Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Istituto Italiano di Cultura alla Fiera del Libro di Göteborg

claudia_durastanti_1_credits_civitella_ranieri

L’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma partecipa alla Fiera del libro a Göteborg promuovendo la presenza di scrittori e scrittrici di grande rilievo nel panorama letterario del nostro paese.

In particolare, tra 30 settembre e 1 ottobre, l’Istituto ha organizzato due seminari. Il primo, realizzato insieme a Eunic – Stoccolma, verterà su storie di famiglie ebraiche e vedrà la partecipazione di Helena Janeczek, autrice vincitrice del Premio Strega nel 2019 con “La ragazza con la Leica”. Il secondo, risultato di una collaborazione con il Festival Letterario inQuiete affronterà il tema della città vista attraverso lo sguardo delle scrittrici Claudia Durastanti, Gaia Manzini e Helena Janeczek.

Inoltre, l’Istituto ha organizzato tre incontri. Due di questi si svolgeranno allo stand Eunic e avranno come protagonisti Claudia Durastanti e Michele Mari. Nel terzo, Claudia Durastanti presenterà il suo libro La straniera allo stand di Bonnier, il suo editore svedese.

La presenza dell’Istituto alla Fiera è resa possibile dalla collaborazione con la Fondazione Lerici.

Di seguito il programma completo.

Sabato 30 settembre:

12.00 Seminario EUNIC 

Autori ebraici contemporanei in Europa: Polonia, Lituania, Italia

Gli autori Mikołaj Łoziński (Pologna) e Helena Janeczek (Italia), insieme al traduttore Mindaugas Kvietkauskas (Lituania), riflettono sulle storie e sulle radici di famiglie ebraiche – le proprie e quelle degli altri – e sul costante intreccio tra vicende personali e collettive. Modera Svante Weyler, autore, giornalista ed editore. L’incontro è in collaborazione con EUNIC Stockholm (European Union National Institutes of Culture).

Domenica 1° ottobre:

10.00 La città delle donne 

Claudia Durastanti, Gaia Manzini e Helena Janeczek con il loro lavoro hanno contribuito a raccontare lo sguardo delle donne sulle città e a tracciare le memorie femminili in contesti spaziali e temporali distanti tra loro. Nei loro libri La straniera (Främlingar jag känner, 2022, Wahlström & Widstrand), A Milano con Bianciardi e La ragazza con la Leica, un memoir e due romanzi storici, la narrazione descrive la conquista di parola e visibilità in due città e epoche diverse da parte di due donne che si sentono entrambe ai margini degli spazi, delle comunità e dell’immaginario. Conduce Laura Marzi, autrice. L’incontro è a cura delle organizzatrici del Festival inQuiete.

12.00 Incontro tra Claudia Durastanti allo stand di EUNIC

Claudia Durastanti è autrice e traduttrice, il suo libro “La straniera” (Främlingar jag känner) è stato nominato alla Premio Strega nel 2022 e tradotto in svedese lo stesso anno. Parlerà del libro e della sua produzione letteraria insieme al direttore dell’Istituto.

12.30 Incontro con Michele Mari allo stand di EUNIC

Michele Mari (Milano, 1955), romanziere, poeta, saggista e traduttore, parlerà insieme al direttore dell’Istituto della sua produzione letteraria, che oltre a romanzi e racconti di grande originalità e qualità letteraria, fra cui Tutto il ferro della Torre Eiffel (2002), Verderame (2007), Roderick Duddle (2014), include anche due raccolte poetiche. Ha fatto numerose traduzioni di classici della letteratura inglese ed è stato professore di letteratura italiana presso l’Università degli Studi di Milano, occupandosi prevalentemente della letteratura del Settecento.

13.30 Presentazione di La straniera allo stand di Bonnier

Claudia Durastanti presenterà il suo libro “La straniera” (Främlingar jag känner) insieme al suo editore NOME dalla casa editrice Bonniers. Nel romanzo, che è stato nominato al Premio Strega, l’autrice rielabora le vicende della sua infanzia, segnata dal rapporto con i due genitori, entrambi sordi, inoltre divisi tra due continenti diversi.

L’autore Michele Mari presenta per la prima volta in Svezia la sua produzione letteraria.