Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Suono Italiano 2020 - Concerto di Eugenio Della Chiara (chitarra)

Data:

06/10/2020


Suono Italiano 2020 - Concerto di Eugenio Della Chiara (chitarra)

PROGRAMMA


Fernando Sor (1778-1839)
Introduzione e variazioni su un tema di Mozart, op. 9 [9’]

 

Franz Schubert (1797-1828)
Sei Lieder (tr. J. K. Mertz) [20’]
I. Lob der Tränen, D. 711
II. Aufenthalt, n. 5 da “Schwanengesang” D. 957
III. Das Fischermädchen, n. 10 da “Schwanengesang” D. 957
IV. Liebesbotschaft, n. 1 da “Schwanengesang” D. 957
V. Ständchen, n. 4 da “Schwanengesang” D. 957
VI. Die Post, n. 13 da “Winterreise” D. 911


---


Niccolò Paganini (1782-1840)
Grande Sonata in La maggiore, M.S. 3 [15’]
I. Allegro risoluto
II. Romance
III. Andantino variato

 

Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968)
Capriccio diabolico. Omaggio a Paganini op. 85a [10’]

 

Eugenio Della Chiara, nato a Pesaro, si diploma all’età di diciannove anni con il massimo dei voti e la lode nel conservatorio della sua città sotto la guida di Giuseppe Ficara. Tra i suoi maestri vi sono Piero Bonaguri, Andrea Dieci e Oscar Ghiglia, con cui si perfeziona all’Accademia Chigiana di Siena. Tra i premi ricevuti si segnalano - primo musicista a conseguire questo riconoscimento più di una volta - le due borse di studio della Fondazione Rossini ottenute nel 2008 e nel 2010. Parallelamente agli studi musicali completa la sua formazione umanistica presso l’Università Cattolica di Milano, laureandosi prima in Lettere Classiche e in seguito in Filologia Moderna. La sua attività concertistica lo ha portato a suonare in Giappone, Austria, Germania, Ungheria, Turchia, Spagna, Norvegia e Irlanda; in Italia ha tenuto recital solistici per alcune tra le maggiori istituzioni musicali del Paese, tra cui il Rossini Opera Festival, le Società del Quartetto di Milano e di Bergamo, il Festival della Valle d’Itria, l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano e la Società dei Concerti di Parma. È stato ospite degli Istituti Italiani di Cultura di Vienna, Istanbul, Oslo, Tokyo, Budapest, Dublino e Monaco di Baviera. Dal 2018 è artista DECCA: per l’etichetta inglese ha inciso "Guitarra Clásica" - antologia che raccoglie alcune rare trascrizioni chitarristiche da Haydn, Mozart e Beethoven - e "Paganini Live", EP registrato dal vivo con Piercarlo Sacco. In precedenza - tra il 2012 e il 2016 - ha inciso tre CD per Discantica e per Phoenix Classics. Appassionato camerista, suona in duo con il violinista Piercarlo Sacco, con il chitarrista Andrea Dieci e con il pianista Alberto Chines. Il suo interesse per la vocalità e per il teatro musicale lo porta a frequenti collaborazioni con cantanti lirici, su tutti i tenori Juan Francisco Gatell e Mert Süngü. Insieme ad Alessio Boni ha portato in scena “Tutto il resto è silenzio”, lettura dell’Amleto di Shakespeare accompagnata da musiche inglesi del Seicento. Collabora assiduamente con compositori appartenenti a diverse generazioni - come Carlo Galante, Orazio Sciortino, Paolo Ugoletti e Davide Anzaghi - che gli hanno dedicato oltre una ventina di lavori solistici e da camera. Ha al suo attivo varie registrazioni in prima assoluta, tra le quali spicca quella della “Sonata per chitarra” composta da Luciano Chailly nel 1976. Dal 2015 è direttore artistico di "MU.N - Music Notes in Pesaro", stagione di musica da camera organizzata dall’Associazione Marchigiana Attività Teatrali. È docente a contratto presso l’ISSM "O. Vecchi - A. Tonelli" di Modena e presso la sede di Fondi del conservatorio "O. Respighi" di Latina. Suona una chitarra costruita da Domingo Esteso nel 1935 e una Masaki Sakurai del 2009.

Informazioni

Data: Mar 6 Ott 2020

Orario: Dalle 18:00 alle 20:00

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura Stoccolma

In collaborazione con : CIDIM, Folkuniversitet

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura - Gärdesgatan 14

1247